Il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati della Provincia di Pisa, tramite l’associazione A.P.P.I. ed in collaborazione con il Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Pisa, ha organizzato il corso:

Nuovo Codici di Prevenzioni Incendi DM 3.8.2015

Attività senza regola tecnica verticale : deposito tessuti

Valido come aggiornamento prevenzione incendi finalizzati al mantenimento dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno in attuazione dell’art. 7 del dm 5 agosto 2011 e per l’aggiornamento obbligatorio per RSPP e ASPP, così come previsto dal D.Lgs 81/08.

PREMESSA

Il DECRETO 3 agosto 2015 “Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”, definito anche il nuovo codice di prevenzione incendi, è un importante progetto innovativo delle norme di prevenzione incendi che consentirà il passaggio da un sistema più rigido, caratterizzato da regole prescrittive, ad uno che predilige l’approccio prestazionale, capace cioè di raggiungere elevati livelli di sicurezza antincendio attraverso un insieme di soluzioni tecniche più flessibili e aderenti alle peculiari esigenze delle diverse attività.

Il nuovo codice di prevenzioni incendi, che attualmente viene applicato “in alternativa” alle attuali vigenti regole tecniche, ha l’obiettivo, nel giro di qualche anno, di andare a sostituirle definitivamente…, direzione deducibile molto chiaramente dall’art. 4 del decreto: “la Direzione centrale per la prevenzione e la sicurezza tecnica, del Dipartimento dei vigili del fuoco, del soccorso pubblico e della difesa civile, del Ministero dell’interno, provvede al monitoraggio dell’applicazione delle norme tecniche di cui all’articolo 1”, che collegato all’art. 2 comma 3 al recente DM 7.8.2017 sulle attività scolastiche, lancia un segnale chiaro andando ad individuare una prima scadenza : “All’esito del monitoraggio di cui all’art. 4 del dm 3 agosto 2015, sono verificati, entro il 31 dicembre 2019, gli elementi raccolti al fin di determinare l’esclusiva applicazione delle disposizioni di cui al presente decreto, in sostituzione delle norme di prevenzione incendi per le attività scolastiche di cui al dm 26 agosto 1992.”

Il cambio di direzione della normativa tecnica di prevenzioni incendi è già molto presente in casi dove le attuali vigenti norme mostrano evidenti problemi di applicabilità, presentandosi come alternativa in molti casi valida e permettendo soluzioni ingegneristiche a garanzia della progettazione e della realizzazione.

Sicuramente nei prossimi anni l’attività di prevenzione incendi , di cui al DPR 1° agosto 2011, n. 151, potrebbe essere svolta applicando un unico testo organico e sistematico… il nuovo codice di prevenzione incendi, di cui al DM 3.8.2015 integrato dalle nuove RTV, applicabili a specifiche attività o ad ambiti di esse.

Il corso proposto, parte integrante di una serie di corsi (vedere schedulazione sotto) ha l’obbiettivo di portare il partecipante a una completa padronanza degli strumenti proposti dal decreto, per arrivare ad una corretta progettazione.

L’adesione al singolo corso non obbliga alla partecipazione dell’intero percorso formativo. I dieci corsi sono stati suddivisi in due parti, i primi 5 analizzano e spiegano dettagliatamente il nuovo codice di prevenzioni incendi, i successivi 5 sono incentrati su casi pratici dove verrà realizzato e spiegato l’intero progetto.

Al termine dei 10 corsi il discendente avrà completato anche i crediti formativi richiesti per il mantenimento dell’iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell’Interno in attuazione dell’art. 7 del dm 5 agosto 2011.

CORSO

ARGOMENTO

DATA

A

DM 3.8.2015 – G1 termini definizioni e simboli grafici – G2 progettazione per la sicurezza antincendio – G3 determinazione dei profili di rischio delle attività

23/11/2017

B

DM 3.8.2015 – Strategia antincendio : S1 Reazione al fuoco – S2 Resistenza al fuoco – S3 Compartimentazione

14/12/2017

C

DM 3.8.2015 – Strategia antincendio : S4 Esodo – S5 Gestione della sicurezza antincendio – S6 Controllo dell’incendio

01/02/2018

D

DM 3.8.2015 – Strategia antincendio : S7 Rivelazione ed allarme – S8 Controllo di fumi e calore – S9 Operatività antincendio – S10 Sicurezza degli impianti tecnologici e di servizio

01/03/2018

E

DM 3.8.2015 – RTV : V1 Aree a rischio specifico – V2 Aree a rischio per atmosfere esplosive V3 Vani degli ascensori

05/04/2018

F

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività non normate – Attività senza regola tecnica verticale : deposito tessuti

02/05/2018

F

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività non normate – Attività senza regola tecnica verticale : deposito tessuti

03/05/2018

G

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività normate . RTV V4 Attività di ufficio DM 8.6.2016

07/06/2018

H

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività normate. RTV V5 Attività ricettive – turistico alberghiere DM 9.8.2016

27/09/2018

I

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività normate – RTV V6 Attività di autorimessa DM 21.02.2017

25/10/2018

L

DM 3.8.2015 – Progettazione antincendio delle attività normate – RTV V7 Attività scolastiche DM 07.08.2017

22/11/2018

Il modulo F viene suddiviso su due giornate per un massimo di 30 persone/giorno. Questo per permettere al docente, durante l’esercitazione pratica, di fornire a tutti i partecipanti le dovute spiegazioni alle questioni scaturite durante lo svolgimento dell’esercizio. Nella scheda adesione verrà richiesto di indicare la propria preferenza per la data a cui si intende partecipare. Le iscrizioni seguiranno l’ordine cronologico di arrivo pertanto una volta raggiunto il numero massimo richiesto, automaticamente, le successive iscrizioni verranno dirottate (previa comunicazione della nostra segreteria) nel gruppo non ancora completo.

RELATORE: Ing. Ilario Mammone

ATTESTAZIONE: A tutti i professionisti iscritti negli elenchi del Ministero dell’interno verrà rilasciato l’attestato di partecipazione valido per l’aggiornamento professionale previsto dall’art. 7 del DM 5 agosto 2011. L’attestato ha valenza anche per l’aggiornamento obbligatorio per RSPP e ASPP, così come previsto dal D.Lgs 81/08.

CREDITI FORMATIVI: Ai Periti Industriali iscritti all’Albo saranno riconosciuti n. 4 crediti formativi come da Regolamento per la Formazione Continua dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati.

SEDE DEL CORSO: Sede del Collegio dei Periti Industriali di Pisa – Via G. Ferraris, 21- 56121 loc- Ospedaletto (PISA)

Per informazioni rivolgersi a:

A.P.P.I. – Via G. Ferraris, 21 – 56121 Pisa

– Per. Ind. Giorgio Falchi Tel. 328-7468933

– Per. Ind. Massimiliano Brogi Tel. 334-6392101

– Fax 0571-1979195 e-mail: segreteria@appi-pisa.it

Recensioni del Corso

N/d

Valutazione
  • 5 stelle0
  • 4 stelle0
  • 3 stelle0
  • 2 stelle0
  • 1 stelle0

Non ci sono recensioni per questo corso.

ISCRIVITI AL CORSO
Data 13-10-2018

Docente

1 STUDENTI ISCRITTI

Cerca Corsi

Ultimi Corsi

© 2018 Associazione Pisana Periti Industriali P.Iva . Tutti i diritti riservati. Creazione siti internet by LowCostWeb.it - Internet Solutions
X